Spaghettata contro il comunismo, prima Paullo e ora Inzago -  Il Cittadino