SPRECO ALIMENTARE, MAZZALI (FDI): OGGI IN REGIONE HO PARTECIPATO AL WORKSHOP CON MINISTRO CENTINAIO E ASSESSORE BOLOGNINI. RECUPERO DI ECCEDENTE IMPORTANTE PER AZIENDE.

Lo spreco alimentare rappresenta in Italia il 15,4% dei consumi annui alimentari e vengono  persi 12,6 miliardi di euro all’anno. Ogni anno nell’Unione europea vengono sprecate circa 88 milioni di tonnellate di cibo, circa 173 kg pro capite, per un valore complessivo di circa 143 miliardi di euro. Significa che il 20% del cibo prodotto viene sprecato. 

Questi numeri sono impressionati e non possiamo stare a guardare. Per questo oggi ero a Palazzo Lombardia al worshop “Il recupero delle eccedenze nei processi distributivi: le opportunità per accrescere il valore della tua azienda” con il ministro Centinaio e l’assessore Bolognini.

Lo spreco alimentare genera costi sociali, economici e ambientali e nostro compito è quello di promuovere migliori comportamenti, dalla prevenzione dello spreco alla donazione degli alimenti. Per le aziende è importante recuperare le eccedenze non solo per un ritorno economico, ma anche  per vantaggi sociali (miglioramento del clima aziendale e soddisfazione dei dipendenti) e ambientali (meno inquinamento, meno emissioni di CO2).

La crescita economica nell’Unione europea è accompagnata da un’incredibile quantità di spreco alimentare; di contro però la politica ha capito il problema e non è indifferente. Come sempre la Lombardia è in prima linea sui temi importanti e il workshop di oggi lo dimostra. L’assessore Bolognini ha sottolineato come in questa legislatura sia stato messo a punto un piano di azione contro la povertà alimentare con tre obiettivi principali: sviluppare attività di recupero e ridistribuzione, rafforzare le reti territoriali e approcciare il tema delle buone prassi. Regione Lombardia intende cooperare con le imprese del territorio nell’ottica di un profondo cambiamento sociale.